Temi globali

Attenzione che si riporta sulla guerra commerciale US-China in questo inizio settimana dopo che l’employment report americano di venerdì è uscito inferiore alle aspettative facendo riportare il rendimento del 10Y UST a 2.78%. La probabilità per un prossimo rialzo dei tassi americani a giugno diminuisce dal 76% al 72%. Azionario in rialzo in Asia portando con se l'attacco chimico in Siria e le relative rappresaglie militari, Nikkei + 0,71%, Brent Oil + 0,45% a $ 67,4/b. Questa settimana CPI americani e Minutes della FED; inoltre earnings di JPM e Citi del Q1.

USD

I NFP di venerdì usciti inferiori alle aspettative (103Kvs190K) fanno indebolire il biglietto verde riportando il cambio in area 1.2250. Le tensioni sul mercato per la guerra commerciale tra China e USA si sono attenuate anche se il sentiment del mercato sulla questione rimane fragile. A livello di dati nulla di rilevante per il nuovo continente mentre per il vecchio abbiamo gli ECB speakers Praet e Costancio. A livello tecnico primo support a 1.2210 mentre prima resistenza a 1.2300.

 

GBP

Cambio al ribasso in area 0.8700 per il recupero della sterlina a fronte della propensione al rischio che aumenta. Le tensioni in Syria al momento non sembrano impattare direttamente il mercato del Pound. A livello di dati nulla di rilevante per il Regno Unito. A livello tecnico primo support a 0.8650 mentre prima resistenza a 0.8750.

Vorrei ricevere l’Analisi Giornaliera sulle Valute nella mia casella di posta elettronica

Questa newsletter, pubblicata cinque volte la settimana, passa in rassegna giorno per giorno i principali eventi e le attività che dominano i mercati.